Ferrara: una Liù mozzafiato

Una Turandot priva del finale di Franco Alfano che ha lasciato il pubblico del Teatro Comunale di Ferrara senza fiato in occasione di questa ripresa del capolavoro pucciniano.

Per una felice scelta del regista Massimo Pizzi Gasparon Contarini, che riprende un allestimento di Pier Luigi Pizzi, l’opera incompiuta di Giacomo Puccini finisce allo stesso modo in cui è venuta alla luce nel 1926 alla Scala, quando Arturo Toscanini diresse esclusivamente la musica composta da Puccini: la tela cade, dunque, con la morte di Liù e con l’esecuzione del mirabile “threnos”.

“Tra le migliori Liù del panorama lirico internazionale, Daria Masiero offre come sempre un’ottima prova, tratteggiando un carattere forte sia vocalmente che scenicamente. Si tratta, lo sappiamo, dell’unico personaggio veramente umano della vicenda e la voce brunita dell’interprete sa offrire momenti emozionanti sia in Signore, ascolta che in Tu che di gel sei cinta, magistralmente eseguita”.

Please follow and like me:

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *